Gestosi, aspirina per ridurre il rischio

I risultati di un nuovo studio del King's College di Londra


 

La gestosi (pre-eclampsia) è tra le maggiori cause di mortalità e patologia in gravidanza, e colpisce circa il 5% delle donne. Una recentissima ricerca, condotta dal King's College di Londra in collaborazione, tra gli altri, con il Policlinico di Milano, apre un anuova frontiera per la prevenzione nei casi ad alto rischio. Una dose di aspirina da 150 mg ha più che dimezzato il rischio di parto prematuro e complicazioni rispetto al gruppo di controllo, che assumeva un placebo. Lo studio è stato guidato da Kypros Nicolaides, specialista del King's College di Londra, e ha analizzato quasi 1.800 donne con un alto rischio di pre-eclampsia. 

La gestosi è una condizione che compare all'improvviso intorno alla ventesima settimana di gestazione. La placenta funziona male, con conseguenze anche molto gravi per la circolazione sanguigna della mamma e del bambino. Spesso l'unico modo per fermarla è il parto, che se però avviene prematuramente può causare problemi e complicanze notevoli.

Esistono vari fattori che predispongono una donna allo sviluppo della pre-eclampsia, come l'età, il diabete, l'obesità, o malattie autoimmuni. Sicuramente un'attenta anamnesi familiare e personale con un'analisi dei fattori di rischio è fondamentale, così come il ricorso a uno specifico percorso nutrizionale per tenere sotto controllo la pressione sanguigna. I risultati dello studio aggiungono un importantissimo tassello per la prevenzione di quetsa patologia.