Riabilitazione del pavimento pelvico

 

Il pavimento pelvico, chiamato anche perineo o diaframma pelvico, è un muscolo situato nella parte più profonda del bacino. Circonda l’uretra, la vagina e l’ano ed è formato da tre strati muscolari ad azione volontaria e involontaria; è legato a funzioni vitali come la sessualità, la riproduzione, l’evacuazione, la respirazione.

Il pavimento pelvico sostiene tutti gli organi interni del ventre e durante i 9 mesi di gestazione contiene la gravidanza. Durante il parto, il pavimento pelvico si distende, orienta la testa del bambino nel canale vaginale e si apre naturalmente per consentire la nascita.

Avere il pavimento pelvico “in forma” è molto importante durante la gravidanza, al momento della nascita (la capacità di rilassare il pavimento pelvico, nella fase di dilatazione, è fondamentale) e anche dopo il parto.

Secondo la Fondazione Italiana Continenza, l’incontinenza urinaria, che interessa il 32-64% delle donne in dolce attesa, e il 20-38% delle donne nel primo anno dopo il parto, è dovuto al rilasciamento di questo muscolo.

La Riabilitazione del Pavimento Pelvico è una terapia che ha l’obiettivo di guarire o ridurre i sintomi riferiti dal paziente e causati dalla disfunzione di questa zona, migliorando così la qualità di vita del soggetto.

La terapia è indirizzata ai muscoli del pavimento pelvico, che possono presentarsi ipovalidi (incontinenza urinaria da sforzo, prolasso degli organi pelvici, ecc.), oppure iperattivi (disfunzioni sessuali femminili, sindrome del dolore pelvico cronico, ecc.), oppure con deficit di coordinazione (stipsi da dissinergia del pubo-rettale).

La sua riabilitazione viene studiata su ogni paziente da professionisti Pregnancy Care che lavorano in sinergia (valutazione Ginecologica, Osteopatica, Ostetrica, Fisioterapica) e prevede l’utilizzo di tecniche mirate che vengono impiegate a seconda della condizione della persona e dopo una adeguata valutazione del soggetto.

 

articoli simili