Linfodrenaggio e Allattamento

 

Cosa succede?

Durante la gravidanza e il parto avvengono importanti mutamenti ormonali nella fisiologia della mamma.

Due ormoni in particolare vengono posti sotto stimolo, la prolattina e la ossitocina,  grazie ai quali le ghiandole mammarie sintetizzano la produzione di latte.

Molti sono i fattori che favoriscono il loro funzionamento, come  ad esempio il benessere del bambino e della mamma, la sensazione di suzione al capezzolo, sentire il pianto e i vagiti o anche solo pensare con amore al bimbo.

Se il seno non viene svuotato, a distanza di poco, la produzione di latte si ferma fisiologicamente, grazie ad un riflesso inibitorio.

Per questo è importante che il bambino si attacchi efficacemente ad entrambe le mammelle, che il latte venga  tirato quando non c’è possibilità di allattare e che l’allattamento sia un momento di calma e comunicazione tra la mamma e il bebè.

Inoltre è utile che il seno venga  preparato  già durante la gravidanza, con massaggi o automassaggi .

Subito dopo il parto si può favorire la montata lattea con lenti automassaggi rotatori sulla mammella, subito prima di attaccare il neonato al seno.

Perché il linfodrenaggio?

Il linfodrenaggio al seno, conosciuto solo per le sue applicazioni post operatorie, in realtà è un valido aiuto per la fuoriuscita del latte e la prevenzione di ragadi, ingorghi e mastiti.

Si tratta di un massaggio dolce e lento, con movimenti precisi ripetuti più volte, eseguiti nella direzione del flusso linfatico.

Nell’anatomia mammaria, il flusso della linfa ripercorre quello del latte, pertanto un massaggio professionale aiuterà non solo il circolo linfatico, ma anche l’allattamento.

Essendo eseguito su tutto il torace, inoltre elasticizza la pelle e rilassa collo e spalle.

Il linfodrenaggio può anche aiutare in modo naturale il sistema immunitario, favorendo il corretto funzionamento dei linfonodi barriera d’elezione contro gli agenti patogeni, un aspetto utile, considerando che durante l’allattamento è preferibile limitare il ricorso ai farmaci.

Dott.ssa Chiara Filippini
Fisioterapista Chinesiologa Posturologa Pcare
Specializzata in Riabilitazione Vascolare, cura del Linfedema metodo Vodder

 

articoli simili