I benefici del Pilates in gravidanza

Dal terzo mese, uno sport dai molti benefici per le future mamme


 

Venite a provare i nuovi corsi di Pilates in gravidanza con la nostra ostetrica Dalila Mecozzi, che ce ne spiega i benefici

Il movimento in gravidanza incoraggia la consapevolezza della donna sul suo corpo, aumenta la flessibilità e la tonicità, migliora la circolazione e la respirazione, aumenta il livello di energia e previene i dolori scheletro-muscolari. Permette di raggiungere un buono stato di rilassamento e un buon livello di benessere psicologico.

Quali sono in particolare gli obiettivi del Pilates in gravidanza?

Il Pilates per gestanti è pensato per accompagnare nel modo migliore le donne in gravidanza all’esperienza del travaglio e del parto.

Come si svolgono le lezioni?

Gli incontri includono movimenti tratti dallo yoga, dal pilates e dalla ginnastica posturale, utili per sciogliere, allungare e ossigenare i muscoli, per imparare a respirare con l’addome, per migliorare la circolazione e prevenire contratture e altri frequenti disturbi in gravidanza. Questi incontri,inoltre, sono un ottimo momento per conoscere i muscoli perineali,con il fine di prepararsi all’evento parto e per una ripresa precoce dopo la nascita del bambino. Il Pilates è una tipologia di ginnastica che utilizza movimenti dolci e senza sforzi eccessivi. Gli esercizi sono semplici,ma indicati per stimolare parti del corpo specifiche e vengono associati alla respirazione. Il movimento viene effettuato a corpo libero o con l’ausilio di piccoli attrezzi,per garantire il minimo sforzo al corpo. Viene considerata la persona nella sua unicità,per questo vengono stimolate tutte le parti del corpo.

Da che periodo di gestazione si possono seguire le lezioni?

E' un'attività consigliata a tutte le gestanti già dal terzo mese di gravidanza,laddove non ci siano problematiche individuali,fino all’ultimo mese prima del parto.

Quali sono i maggiori benefici?

Il Pilates in gravidanza migliora l’equilibrio e la postura; Allevia il mal di schiena e la pesantezza degli arti inferiori; Rafforza e potenzia i muscoli perineali in previsione dell’evento parto; Allena la respirazione,utile anche nelle varie fasi del travaglio; Migliora la circolazione sanguigna,prevenendo problemi quali gonfiori e vene varicose. Aiuta il giusto posizionamento del feto nell’utero,per affrontare il parto nella maniera più fisiologica possibile; Favorisce l’ascolto di sé e del proprio corpo ,aiutando la mamma attraverso della ginnastica propriocettiva; Rende la donna consapevole e in grado di gestire il parto.